info@winelovely.com - Via Marco Polo 1 - 55049 Viareggio (LU) . © 2023 by Valoriimmobiliari

Tutto il materiale (grafica, immagini e testo) presente in questo sito è di proprietà  dell'autore stesso.
E' vietata la riproduzione, anche parziale, senza il consenso scritto dell'autore che pretenderà, comunque, l'indicazione scritta dell'url del sito.
Ai sensi della Legge n. 62 del 7-3-2001 questo sito non è un prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità  regolare, essendo gli aggiornamenti effettuati senza scadenze predeterminate e consistenti soltanto in migliorie rispetto a quanto già pubblicato, senza rinnovare completamente i contenuti precedenti.
Tutti i dati pubblicati in questo sito, sono stati trattati secondo il D. Lgs. n. 196 del 2003 in materia di "privacy".

autore Valoriimmobiliari - Via Marco Polo 1 - 55049 Viareggio (LU)

GERMANIA

di Bruno Janett

Classificazione - Storia - Zone

Classificazione

 

L'etichetta dei vini tedeschi è in assoluto la più completa, ma questo non ha evitato il fatto di generare equivoci o disinformazione, questo forse a causa proprio della sua complessità. A differenza di quanto prescrive la legge ad esempio in Francia in Germania non c'è una classificazione dei vigneti , è specificato esattamente invece, quale percentuale di zucchero deve contenere il mosto per ogni livello di qualità, ricordiamo in proposito che non è ammesso l'uso del mosto concentrato mentre è consentito lo zuccheraggio. La legislazione vigente individua quattro fondamentali livelli qualitativi, ognuno dei quali ha poi le sue regole specifiche:

 

  • Deutscher Tafelwein Vino ordinario da tavola, deve aver un tasso alcolico naturale del 5% prima dello zuccheraggio,e non è soggetto a prove di qualità

  • Landwein introdotta nel 1982, richiede requisiti leggermente più elevati del Tafelwein 5.5% di tasso alcolico naturale ed un residuo zuccherino di non più di 18 grammi per litro, quindi indica un vino relativamente secco

  • Qualitätswein bestimmter Anbaugebiet (QbA) Classificazione che indica quei vini che pur essendo stati sottoposti a zuccheraggio sono considerati di qualità in quanto sono certificate le origine delle uve come avviene per i QmP e sono sottoposti a controlli di qualità.

  • Qualitätswein mit Prädikat (QmP) è il livello più alto di classificazione ed comprende i vini per i quali non è ammesso lo zuccheraggio, devono avere un tasso alcolico minimo di 8,6% (indicato con peso del mosto pari a 67° Oechsle) che può essere aumentato a seconda della regione di provenienza; i vitigni sono solo quelli autorizzati e provenienti da zone determinate (distretti) e devono essere sottoposti a test di qualità con conseguente rilascio del numero di identificazione (AP Nr).

I vini riconosciuti come QmP si suddividono a loro volta in cinque categorie a seconda del grado di maturazione dell'uva (in gradi Oechsle):

  • Kabinett peso-mosto minimo 73° - vini leggeri e delicati

  • Spätlese peso-mosto minimo 85° - in questo caso di anno in anno viene stabilita una data dopo la quale si può effettuare una vendemmia tardiva, la qualità del vino varia sia in rapporto alla vendemmia che della zona di provenienza

  • Auslese peso-mosto minimo di circa 90°- la vendemmia si effettua selezionando i grappoli più idonei

  • Beerenauslese peso-mosto minimo di circa 120° - si vendemmia grappoli i via di appassimento e/o colpiti da Botrytis Cinerea. Vino di grande concentrazione e ricchezza

  • Trockenbeerenauslese Peso-mosto minimo di circa 150° - in pratica è un Beerenauslese ancora più concentrato, l'uva viene lasciata sulla pianta fino al completo appassimento.

Il peso-mosto minimo può variare in aumento a seconda della regione e del vitigno.
Un altro vino merita di essere ricordato: l' Eiswein. Questo vino è fatto con uve congelate al momento del raccolto (di solito tardivo) e pigiate quando sono ancora gelate. Una volta rimosso il ghiaccio resta un mosto molto concentrato con un elevato tasso di zuccheri e di acidità ma senza l'aroma tipico dei Beerenauslese e Trockenbeerenaslese dovuto alla muffa nobile.
Il Sekt invece altro non è che il vino spumante tedesco, che viene prodotto con l'uva non completamente matura che inevitabilmente si produce in Germania, vista la collocazione geografica ed il clima. Può essere ottenuto dall'uva proveniente da qualsiasi regione ed acquisisce le denominazioni di Deutscher Sekt se prodotto con il 100% di uve tedesche e Sekt bA se prodotto con uve provenienti da una sola delle 11 regioni vinicole della Germania.
Altri termini che si possono trovare sulle etichette tedesche sono:

  • Einzellage: corrispondente al nostro cru (vigneto specifico)

  • Grosslage : è un gruppo di Einzellage. Poco usato poiché si tende a riportare solo il nome delle più importante Einzellage che ne fa parte.

  • Bereich: Indica la regione. L'intero Rheingau ad esempio si chiama Bereich Johannisberg.

  • Erzeugerabfüllung o Gutsabfüllung: imbottigliato dal produttore.

  • Perlwein: Vino frizzante

  • Schaumvein: Vino spumante generico (non soggetto a controlli di qualità)

  • Weinkellerei: Cantina vinicola

 

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now